Abito da sposo

Prima di qualunque acquisto bisogna fissare nella propria mente che l’abito dello sposo sarà  necessariamente dipendente da quello della sposa. Se lei ha scelto un abito lungo sarà  d’obbligo indossare il tight. Comunque va benissimo anche un elegante monopetto grigio con gilet e cravatta in tinta. Per lo sposo è d’obbligo indossare la camicia bianca e le calze lunghe nere unitamente alle scarpe stringate. Il consiglio che lo sposo deve dare al sarto è che il tessuto dell’abito sia comunque leggero e possibilmente non facile alle pieghe.

Abito per una cerimonia formale

Per un matrimonio formale, celebrato entro le 18, l’abito più adatto alla cerimonia è il tight, composto da una giacca a code lunghe, gilet grigio o nero, pantaloni a righe nere o grigio antracite. E’ importate che la giacca sia portata allacciata. La cravatta, possibilmente grigia, va fermata da una spilla. I Polsini della camicia sono chiusi da una coppia di gemelli.

Le scarpe necessariamente stringate.

Una cerimonia importante richiede un tight classico, con guanti e cappello a cilindro.

Abito per una cerimonia semplice

Per una cerimonia informale consigliamo di indossare un classico completo a tre pezzi in tinta unita. Anche in questo caso, saranno i particolari a determinare l’eleganza della scelta. In inverno, per il tessuto, possiamo scegliere tra i diversi tipi di lana; nel periodo estivo ammessi il misto lino e lo shantung. Il colore del completo va ricercato in un range di tinte unite. Proposte degli stilisti a parte, di questi ultimi tempi lo sposo comincia a liberarsi dal tradizionalissimo nero e grigio antracite. Si concede grigi più chiari, oppure bianco assoluto se è uno sposo d’estate, e opta per modelli più  morbidi e linee più praticabili. La giacca è monopetto, senza spacchetti, con due tasche a filetto e non a toppa, e con il taschino. I pantaloni sono di taglio classico, senza risvolto, con cintura nera in coccodrillo o in vitello: il gilet, nel medesimo tessuto, può essere monopetto o doppiopetto. La camicia bianca, con collo morbido, con i polsini chiusi da gemelli. Gli accessori restano quelli classici: calze nere o grigio scuro in cotone, scarpe in vitello nero, gemelli ai polsi e fiore bianco all’occhiello. Se lo sposo lo desidera, può portare la pochette nel taschino, ma se ha già il fiore all’occhiello, è sconsigliato. Anche qui, come per la sposa, vale il “per tempo”: sia che si scelga un abito di firma sia uno più commerciale. La scelta va meditata e il modello provato e riprovato al fine di evitare dubbi, ripensamenti e intoppi dell’ultimo momento.

Articoli Correlati: Tendenze-Collezioni Sposo 2010

Leave a Reply