Abito da sposa

La prima scelta da compiere per iniziare al meglio i preparativi del matrimonio, è quella di stabilire quale abito sposalizio sia per te, il più adatto.

E’ importante che tu conosca e mantenga il tuo stile, consideri le tue proporzioni fisiche, e la scelta sia correlata ai tuoi lineamenti somatici e anche del viso. Devi indossare un abito con il quale potrai sentirti a tuo agio. E’ importante, per tale scelta, considerare assieme alla tua fisionomia, anche la tua personalità, la quale riveste un ruolo fondamentale, in tale decisione.

In quanto Insieme al fattore di “comodità ” , c’è anche quello riguardante l’estetica, il quale richiede a sua volta molta importanza.

Lo stile dell’abito:

Lo stile dell’abito da sposa , deve essere il più possibile, vicino alle tue caratteristiche somatiche. Se hai un fisico: magro e asciutto, potrai permetterti di indossare qualsiasi abito, da quello dallo stile sobrio e semplice, a quello più elaborato e decorato. Se hai, appunto una fisionomia molto magra però, il tuo corpo deve essere valorizzato ed esaltato attraverso un abito dalle linee morbide e ampie. Se hai i fianchi stretti, ma un seno e spalle abbastanza evidenti e pronunciati, potresti scegliere di indossare un due pezzi. Magari un corpino scollato, che esalti le tue curve ed una gonna che scivoli sui fianchi.

Se hai invece, i fianchi larghi e l’addome evidente. Il consiglio è quello di indossare un abito dallo stile imperiale. Vale a dire, quel modello che è  stretto sul seno, ma si allarga sotto di esso con l’ampiezza e larghezza della gonna.

La vastità  di modelli sui quali poter basare la propria scelta, è davvero ampia. Si và dal modello classico, a quello stile principesco, molto lavorato o più semplice  ma comunque elegante. Sta a te decidere, se indirizzare tale predilezione, verso un modello classico e tradizionale, oppure su quello nuovo, moderno e di tendenza.

Modelli

Come detto poc’anzi. La scelta è diversa e varia. Tutto sta, e si basa, sullo stile che vorrai assumere in quel giorno così importante, che è quello del tuo matrimonio.

Modelli abiti : Impero, sirena, odette, lungo, corto, con o senza strascico ( coda ), con il corpino, a due pezzi..ect…Sono davvero infiniti.

Colore dell’abito

Anche sul colore la scelta è svariata. Si và dal tradizionale e classico color bianco, alle tonalità  panna, avorio, crema o champagne, alle nuove sfumature pastello, fino ad arrivare a quelle più sgargianti e eccentriche, come il rosso.

Tessuto dell’abito da sposa

La scelta sul tessuto, và  ponderata in base all’orario e il luogo del matrimonio.

Se hai deciso, di sposarti la mattina, il consiglio, è quello di prediligere un tessuto che doni eleganza ed importanza al tuo abito; come il raso in seta pesante o seta consistente e rigida. Se ti sposi di pomeriggio invece, il consiglio è  quello di scegliere: tessuti più fluidi, come il raso leggero o la georgette.

Prezzo dell’abito da sposa

Il consiglio, per conoscere i prezzi più consoni, per l’acquisto del tuo abito. E’ quello di visitare più di un atelier. Prima di imbatterti sui vari prezzi, esorbitanti e non, cerca di chiarirti le idee, attraverso anche riviste e giornali che si occupano, dell’informazione dei suddetti, per le future spose. Visita i negozi, sempre accompagnata da una persona fidata, che sia tua madre o la tua migliore amica. Ti servirà  da supporto e aiuto per la scelta più giusta.

Scegli un abito comodo

Un altro consiglio importante per questa scelta. E’ quello di acquistare un abito, con il quale ti senti più comoda e che ti permetta di muoverti adeguatamente, senza fastidi. Ricordati che quell’abito , verrà  indossato per un’intera o mezza giornata. Ed è fondamentale , che tu ti senta a tuo agio, con ciò che indossi.

Non preoccuparti per la prova, torna in atelier, anche più di una volta, per indossare l’abito che hai scelto. E’ di fondamentale rilievo, la tua sicurezza e tranquillità sulla decisione presa.

Ultime novità sugli abiti da sposa, all’articolo: Tendenze-Collezioni Sposa 2010.

2 Comments

  1. MARIA TERESA 12 luglio 2007
  2. Patricia Carvajal 14 gennaio 2009

Leave a Reply